Vi presento la vera FINE DEL MONDO: Allineamento di 10 Corpi Celesti

In un articolo precedente http://www.ternario.net/2011/03/il-21-dicembre-2012.html
mi sono interessato alla famosa profezia Maya inerente la Fine del Mondo prevista per il 21 dicembre 2012, quindi fra pochi mesi...e sono giunto alla conclusione che, astrologicamente parlando, non ci sono elementi che giustifichino una catastrofe di tali proporzioni.

Ma se per quella data non è previsto niente di particolare, quali sarebbero allora le configurazioni planetarie che potrebbero rappresentare il sottostante astrologico dell'Evento che pone fine all'esistenza del nostro pianeta?

Qualcuno è andato alla ricerca di pattern più o meno complessi (per es. Grandi Croci) che perturberebbero significativamente la modalità energetica del nostro continuum spazio-temporale.
Personalmente trovo più convincente ed energeticamente rilevante un accumulo di Corpi Celesti in una ristretta fascia zodiacale, evento che 'lacererebbe' la nostra trama zodiacale ed energetica definitivamente.

Sto parlando quindi di un clusterum (uno stellium).



Tanti di noi hanno più di un pianeta nello stesso Segno (o in 30 ° di longitudine) e, di solito, a partire da 4 pianeti nello stesso segno di parla di stellium. Di solito gli effetti anche di 3 o 4 corpi celesti in un tema natale si fanno sentire nel senso di tonalità energetica caratteristica e di direzionamento della libido in maniera spiccata in un particolare ambito (a seconda della casa che ospita lo stellium).

Se poi i corpi che compongono l'accumulo sono 5 o addirittura 6 l'effetto diventa massiccio, ma sono chiaramente pochi i soggetti portatori di questi clusterum.
Per es. lo scrittore William Burroughs nacque con uno stellium di 5 pianeti in acquario (su XII) che ha ben caratterizzato la sua personalità e il suo destino: uomo dalla straordinaria insight, capacità di analisi dello psichismo acutissima ma fredda e scarna ed eterno 'prigioniero' della sua monkey.



La ricerca del massiccio accumulo planetario per predire la Fine del Mondo fu seguita da Giovanni da Toledo, cardinale e archiatra di Innocenzo IV, che calcolò una congiunzione nel Segno della Bilancia 'senza precedenti'  per il 23 settembre 1186. Se anticipiamo di qualche ora la sua profezia, in effetti ci troviamo di fronte, alle 17.00 del 22/09/1186 ad un pesante accumulo di 7 corpi celesti in 11 gradi di longitudine:


Il Mondo, tuttavia, continuò ad esistere :)

Johannes Stoffler, matematico e astronomo,  si spinse oltre, prevedendo per il febbraio 1524 uno spaventoso allineamento di pianeti nel segno dei Pesci; effettivamente, in data 15/02/1524 rinveniamo un accumulo di 8 corpi celesti in 24 gradi (distribuiti tra Aquario e Pesci)


E' curioso notare che in entrambe le date, i pianeti che si 'sottraggono' all'allineamento sono sempre Urano e Plutone (nel primo caso anche Nettuno), cioè i corpi celesti maggiormente energetici (i più lenti) e la cui presenza è a mio avviso indispensabile per dare il colpo di grazia al network...
Stiamo parlando della Fine del Mondo mica di una catastrofe qualsiasi :D

In ogni caso si tratta di eventi che occorrono molto raramente, basti pensare che
il prossimo allineamento di 8 pianeti (in circa 30 °) lo avremo il 30/11/2149

il prossimo allineamento di 9 corpi celesti in 20 ° (!!!) si avrà il 15/07/3875 e si presenterà all'incirca in questo modo:


Quest'ultima immagine (già piuttosto inquietante...) è solo indicativa perché le effemeridi 'reali' di Plutone e Luna saranno rispettivamente 93°39'48''.05 e 84°59'54''.58 (quindi quarto grado del Cancro e venticinquesimo grado dei Gemelli).
Comunque mi riprometto di ricontrollare ulteriormente i valori numerici per essere sicuro di non tenere in considerazione gli effetti legati al moto precessionale (che ci condurrebbero in un 'altro' Zodiaco).
Già molti programmi di astrologia non giungono neanche a poter calcolare configurazioni planetarie così distanti nel tempo, quindi il fatto che Astromart 8.2 abbia sbagliato le effemeridi di Plutone e Luna per un futuro già piuttosto remoto non mi stupisce più di tanto :)

Ma a noi non bastano 9 pianeti.

Noi vogliamo tutti i pianeti allineati.

Per ricercare un tale allineamento ho usato Solex 11, un programma di meccanica celeste ad integrazione numerica realizzato dal Prof. Aldo Vitagliano del Dipartimento di Chimica dell'Università di Napoli Federico II che qui approfitto per ringraziare della sua disponibilità.

Ringrazio inoltre Astromauh (che gestisce un blog a questo indirizzo http://astromauh.blogspot.it/) per le utili indicazioni fornitemi.

Ho scandagliato le configurazioni del Cielo di 65.000 anni:


dall'anno 31034 A.C. fino all'anno 34833 D.C.

C'è solo un allineamento di tutti e 10 i Corpi Celesti in questa fascia temporale ed è situato nel nostro futuro...

Non posso mostrarvelo graficamente perché non ho tuttora un programma adatto a farlo per un'epoca così lontana ma posso riprodurvi la schermata di output di Solex:

Vi presento la Fine del Mondo!

31 marzo 24123


Guardando la colonna "long" si può notare come tutti i corpi celesti si distribuiscano nella fascia di longitudine compresa tra 353° e 19°, quindi nell'arco di soli 26°....a cavallo tra Pesci e Ariete, dall'ultimo Segno al primo, dove il ciclo si chiude...e si apre :D

I cultori di Isaac Asimov saranno i meno impressionati, dal momento che l'anno 24123 è semplicemente il 471 E.F. (Era della Fondazione) e il genere umano avrà lasciato (e dimenticato...) la nostra Madre Terra ormai da millenni...

Ah dimenticavo, sarà un mercoledì ;)








5 commenti:

  1. Perché dici che il 14 luglio 3875 alle ore 12 la Luna dovrebbe trovarsi in Cancro?

    RispondiElimina
  2. Ho fatto rifare i calcoli a Solex, questa volta facendo in modo che accedesse alla posizione temporale desiderata (14/07/3875, ore 12.00) direttamente dalla libreria e la longitudine della Luna è 84°59'54".58
    Questo dato è maggiormente aderente alla realtà rispetto a quello che ho riportato nel post (e che correggerò) perché il programma quando è costretto a integrare saltando tra posizioni temporali parecchio distanti perde in accuratezza (soprattutto per la Luna) a meno che non si aumenti opportunamente l'ordine dell'integrazione (dalle opzioni)
    Grazie per la segnalazione!

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  5. Non sapevo che il programma desse un output diverso a secondo dei casi.
    Comunque ho calcolato diverse volte la stessa data saltando da anni diversi, e la differenza riscontrata per la Luna è di un paio di secondi.

    Ad esempio per le ore 0 del 3875/07/14,
    ho trovato la Luna a 77° 32' ...
    e secondi:

    10,20
    11,71
    12,07
    12,18
    12,64

    Una differenza di un paio di secondi per la Luna non è molto, considerando che è l'astro più veloce.

    Due arco-secondi corrispondono a circa 4 secondi di tempo, per cui si tratta di una imprecisione trascurabile, anche considerando che parliamo di date molto lontane dalla nostra, credo comunque che a questa imprecisione si possa ovviare inserendo la data al primo lancio del programma, oppure aumentando l'ordine dell'integrazione.

    Pur avendotelo suggerito, non conosco molto bene il programma, perché sul mio PC con Vista mi da dei problemi, e allora lo uso poco.

    RispondiElimina